Riparte la scuola di Filosofia in collaborazione con il Comune di Roccella

Riparte, con un ciclo di 12 seminari  nelle scuole e 10  incontri pubblici, la scuola invernale  di "altra" formazione in Filosofia “Mario Alcaro”, organizzata dall’Associazione Culturale Scholé di Roccella.
Giunta alla V edizione la scuola, che si avvale del   sostegno del Comune di Roccella e della  collaborazione  dell’Istituto italiano per gli studi filosofici e dell’Iisf Scuola di Roma,  coinvolgerà quest’anno  oltre 700 studenti con un  programma itinerante che toccherà il liceo classico “I. Oliveti” di Locri ed i licei  scientifici:   “A. Volta” di Reggio ; “P. Mazzone” di Roccella – Gioiosa Jonica; “G. Rechichi” di Polistena.
“Il tema generale – anticipa Scholé in una nota -  è “Rivoluzioni”, al plurale, intendendo così cogliere i tanti punti di rottura e di trasformazione che hanno interessato la storia del pensiero dai pre-socratici a Wittgenstein, passando per Platone, Aristotele, Cartesio, Kant, Hegel e Marx”.
Rivoluzione è la parola chiave che l’associazione ha scelto per tutto il 2017 e che accompagnerà anche la scuola estiva. Le attività dell’associazione roccellese, guidata dal prof. Salvatore Scali, oltre ai seminari nelle scuole, si svilupperà anche  con un denso programma di incontri pubblici, aperti a tutti gli interessati, su argomenti che, muovendo da temi filosofici, riflettono su problemi socio-politici legati alla contemporaneità.
 A Roccella il primo incontro pubblico si svolgerà, invece, venerdì 10 febbraio, al liceo scientifico “P. Mazzone” e vedrà protagonista Gabriella Baptist (Università di Cagliari), che discuterà intorno a “Socrate nel ’900. Tra anticonformismo individuale e dissenso politico”. Nel corso dell’incontro  sarà riattualizzata la figura socratica, concependola come esempio della rottura di schemi di pensiero e di azione già consolidati.
Il calendario completo degli incontri pubblici sarà pubblicato sul sito web www.filosofiaroccella.it. 
 
Stefania Parrone