Conclusa la procedura di stabilizzazione degli ex Lsu-Lpu del Comune di Roccella

 

Dopo lunghi anni di precariato, per gli ex lavoratori di pubblica utilità e socialmente utili del Comune di Roccella è finalmente arrivata la stabilizzazione a tempo indeterminato, pieno o parziale soprannumerario.

 

L’ente amministrato dal Sindaco Vittorio Zito, infatti, dopo l’approvazione del Piano triennale del fabbisogno del personale, l’avviso pubblico per il reclutamento delle qualifiche e dei profili e lo svolgimento delle procedure di selezione, ha provveduto a contrattualizzare a tempo indeterminato 41 lavoratori precari, di cui 30 del bacino degli ex Lpu e 11 del bacino degli ex Lsu.

 

La pianta organica del Comune si è così dotata di nuove figure di istruttori amministrativi (categoria giuridica C1), esecutori amministrativi e tecnici (categorie giuridiche B3 e B1) e operatori amministrativi e tecnici (categoria giuridica A1) che saranno impiegate nelle diverse aree dell’ente: Affari Generali e Funzioni istituzionali; Servizi alla persona e alla comunità; Programmazione e Bilancio; Controllo del territorio e Polizia municipale; Infrastrutture e Servizi al territorio.

 

La conclusione della procedura di selezione si è svolta nel rispetto delle misure anti contagio da Covid entro i termini di legge previsti (31 dicembre scorso) nella sala consiliare del Municipio, dove insieme ai partecipanti erano presenti  il dirigente dell’Area Affari istituzionali Luca Marrapodi (Responsabile del procedimento), la segretaria comunale Nausica Filippone, il dirigente dell’Area Infrastrutture Lorenzo Surace, il comandante della Polizia Municipale Alfredo Fragomeli (componenti della commissione esaminatrice) a cui si è successivamente aggiunto anche il sindaco Vittorio Zito.

 

La firma dei contratti individuali, che coronerà nel segno della sicurezza dell’impiego pubblico l’iter lavorativo degli ex Lpu/Lsu,  è prevista nei prossimi giorni.

 

 

Stefania Parrone - @News sito istituzionale Comune di Roccella Jonica 

 

Un gruppo dei 41 lavoratori stabilizzati con i membri della Commissione esaminatrice